“TANTO VERDE… POCA SPERANZA”

“Tanto verde, poca speranza”, possiamo sintetizzare così la situazione ambien- tale a Ostia e dintorni. Il X è il Munici- pio con più verde di tutta la Capitale, ma purtroppo – come vedremo anche nelle pagine che seguiranno – non sempre le risorse e gli sforzi sono diretta- mente proporzionali alla manutenzione e alla cura dei nostri spazi. Una situazione che, purtroppo, non migliora con l’inizio della primavera e l’avvicinarsi dell’estate, quando in tanti vorremmo poter godere delle bellezze del nostro territorio. Per questo abbiamo deciso di prenderci una breve pausa dalla cronaca della pandemia – che continueremo a seguire nei prossimi numeri – e dedicare il nostro Dossier alle tematiche ambientali e ambientaliste. In apertura, scopriremo che pineta e mare non se la passano proprio bene. A Castel Fusano, manca ancora un piano anti- incendio e all’interno del polmone verde dilagano bidonville e brarac- copoli, oltre a vere discariche a cielo aperto. Anche il mare non è da salvare: in questi primi week end di primavera, i romani sono stati ac- colti con i detriti lasciati sulla sabbia dall’erosione: tronchi abbando- nati, plastica e altri rifiuti altamente inquinanti. Un plauso, in questo senso ai volontari dei “Retake” che poche settimane fa si sono dati appuntamento su una spiaggia di Ostia per procedere a un’accu- rata bonifica. Stesso scenario di degrado, si registra lungo la Litora- nea, mentre faremo un omaggio a due grandi letterati che a Ostia non hanno trovato ancora vita facile: le aree dedicate a Gianni Rodari e Pierpaolo Pasolini sono lasciate al degrado a e all’incuria. Chiuderemo il numero con alcuni suggerimenti preziosi dall’ ”archistar” Giuliano Fausti. Ultima riflessione – concedetecela – sull’attualità. La morte di Riccardo, 16 anni, stroncato da un infarto mentre scappava da un clo- clard che brandiva una stampella di ferro non può lasciarci indifferenti. Una storia che arriva dal Parco della Madonnetta di Acilia, struttura un tempo efficiente e oggi nel degrado.Torniamo a denunciare: no, non ce la sentiamo di girarci dall’altra parte.
Toc toc! Assessore all’Ambiente…

   Caterina Dini

Leggi il numero online!