Per un mondo migliore…

Nel sistema di valori del nostro tempo, è bello accorgersi e scoprire quanto di positivo ancora c’è nelle persone. Lo facciamo con questo numero di Duilio Litorale dedicando il nostro DOSSIER al mondo del volontariato sociale, fatto di (tanta) solidarietà umana e di un ideale di giustizia per tutti. Precetti che si trasformano in opere di aiuto e conforto per chi soffre. Temi difficili che cerchiamo di affrontare in punta di penna per il rispetto di chi dà e, soprattutto, per quello di chi riceve. Usura, droga, alcolismo, lotta alla criminalità organizzata. Ecco le tappe di questo viaggio. Storie dure che rivelano il lato più generoso della nostra società. Ma mostrano anche i limiti del sistema. Qualche tempo fa, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che fin dal suo discorso di insediamento ha dimostrato grande sensibilità nei confronti di chi soffre, ha definito il volontariato «una straordinaria ricchezza per il nostro Paese e per la nostra civiltà», che acquista ancora maggiore importanza in tempi di ristrettezze economiche. Condividiamo appieno queste parole, ma siamo anche convinti che proprio perché il volontariato è importante, è necessario sottolineare che non è e non potrà mai essere o sostituire una professione. Né tanto meno deve essere un modo per deresponsabilizzare la politica dal sociale. Il nostro territorio – il X municipio- che spesso sale agli onori delle cronache per fatti negativi questa volta conquista le prime pagine per una buona notizia: il più alto numero di associazioni la Capitale. Gente qualsiasi che ogni giorno si batte per l’affermazione dei diritti universali dell’uomo. È così che il mare di Roma diventa una “casa comune” da preservare per le future generazioni.

Caterina Dini

Leggilo online!