Archivio mensile:ottobre 2020

Il Peso della Politica

Promesse da marinaio. Avremmo potuto chiamare così il dossier di questo mese di ottobre.  Duilio Litorale, ancora una volta, pone al centro del suo lavoro l’approfondimento e la ricerca  giornalistica. Con il territorio, sempre in primo piano. Ecco, perché abbiamo deciso di lavorare –  a pochi mesi dalle elezioni – su tutto quello che negli anni è stato promesso, ma mai realizzato.  Abbiamo focalizzato la nostra attenzione sulle grandi opere, perché ragionare anche sui piccoli  e infiniti annunci pre-elettorali sarebbe stato troppo complicato. Abbiamo così prediletto gli  interventi concreti, quelli bipartisan, quelli che non hanno colore politico e che tutti i residenti del X Municipio chiedono da anni, a prescindere dalla loro opinione di voto. Temi come la  sicurezza stradale – e Cristoforo Colombo e via Ostiense sono oggetto da decenni di proclami  mai realizzati – sono di tutti, non appartengono a tizio o a caio. Non è una questione partitica,  ma di buon governo che – fino a oggi – almeno non c’è stato per Ostia e i suoi quartieri limitrofi.  È vero non possiamo celare nemmeno l’altro grande responsabile di ritardi, inadempimenti e  blocchi, vale a dire la burocrazia. Ma, soprattutto sui progetti che passiamo in disamina in  questo dossier, crediamo nella mancanza di peso della politica. Recupero dell’ex Gil e sgombero  della Vittorio Emanuele, per fare un altro esempio, erano progetti già impostati e a  un passo dalla fase esecutiva, come annunciò il prefetto Domenico Vulpiani, all’epoca capo della commissione straordinaria che guidava il X Municipio. E poi? Perché Roma Capitale e il  Campidoglio  – durante quegli annunci era presente anche la sindaca Raggi – non hanno  proseguito su quella strada? Che fine hanno fatto progetti, soldi, risorse impiegate e  inutilizzate? Si, questa volta i nostri toni sono un po’ più duri del solito perché in fondo c’è un pizzico di indignazione di fronte a tanto spreco. Lo diciamo da cittadini, prima che da giornalisti. E crediamo che – una volta sfogliato tutto il nostro giornale – a indignarsi saranno soprattutto i  nostri lettori.

Caterina Dini

Leggi il numero online!

Voglia di Ripartire

Che strana estate, quella appena trascorsa… anche per il nostro territorio. Era iniziata con la voglia di respirare l’aria del dopo-lockdown, di uscire in strada, di festeggiare l’inizio della bella stagione con un tuffo, si è conclusa – in un batter d’occhio – tra l’allarme dei focolai post ferragosto che a Ostia hanno creato un aumento dei casi e la preoccupazione dei mesi che verranno. Primo step nell’agenda delle famiglie, quello dell’inizio dell’anno scolastico. Ogni anno, noi di Duilio Litorale abbiamo dedicato il numero di settembre alla scuola. In anni passati abbiamo raccontato le speranze e le prospettive di studenti e insegnanti. Stavolta ci troviamo a dover fare – da cronisti in prima linea – il resoconto dell’emergenza della didattica al tempo del Covid. Un viaggio tra le criticità che inevitabilmente ci saranno. Lo ha ammesso anche la sindaca Raggi in una recente visita a Ostia: «Siate clementi», ha detto a giornalisti e famiglie. Già perché il problema della scuola è un problema che tocca genitori, nonni, figli: l’organizzazione della vita domestica. Lo scoglio più difficile sarà sicuramente la carenza di aule. Per permettere il distanziamento sociale occorrono più banchi monoposto e dunque in classe ci dovranno essere meno studenti. E gli altri? È corsa contro il tempo per reperire nuovi spazi. Ma – come denunciamo in uno dei nostri servizi – ci sarebbero tante opportunità che al momento vivono una fase di stallo e che avrebbero potuto risolvere il problema: da alcuni locali della Vittorio Emanuele, all’ex Gil – il cui progetto di riqualificazione è fermo – fino agli immobili di via dei Basaldella. L’amministrazione del X Municipio ha, per ora, previsto l’utilizzo solo dell’ex mercato di San Fiorenzo, dove sorgeva la ludoteca “Chiqui Park”. Parleremo poi dei nostri problemi come: pista ciclabile e canale dei Pescatori. Ci mancava solo il virus a peggiorare le cose. Proviamo a ripartire, insieme… ma a distanza.

Caterina Dini

 

Leggi il numero online!

Voglia di Futuro

Riprendiamo in mano la nostra vita, torniamo a “rivivere” l’estate. Abbiamo tutta la voglia di normalità e questo numero di Duilio Litorale segna il passo e racconta come sarà la calda stagione al tempo del coronavirus. La pandemia non l’abbiamo ancora lasciata alle spalle, purtroppo, ma questo non deve impedirci – con tutte le prudenze del caso – di andare avanti. Sarà un’estate un po’ diversa, dove saremo in molti a trascorrerla sul territorio e saremo in tanti, ancora una volta a scegliere il mare di Ostia dove tuffarci e dimenticarci – anche solo per un attimo – stress e problemi quotidiani. Abbiamo pensato a questo numero di luglio e agosto come una sorta di vademecum sugli eventi dell’estate. Una guida per offrire spunti su come trascorrere una calda notte agostana in maniera diversa, sempre mantenendo le distanze e in piena sicurezza. L’appuntamento dell’estate 2020 più importante è sicuramente l’arena cinematografica. Nata da un’intuizione di un lungimirante imprenditore come Giuseppe Ciotoli, che tanto ha dato e continua a dare al nostro territorio, il Drive-In – stile anni’60 e intitolato all’attore Paolo Ferrari – sarà sicuramente un punto di ritrovo per tanti giovani e tante famiglie, oltre a essere un’iniziativa destinata a rimanere nella storia della città, quanto il suo papà, Peppino e il suo “fratello maggiore”, Cineland. A proposito di cinema, al porto turistico prenderà il via, per la terza estate consecutiva, il Cinema America. Anche il teatro romano di Ostia Antica prova a tornare agli antichi fasti delle estati che furono. Riprenderà e durerà fino a settembre, il festival di Ostia Antica, con una rassegna di spettacoli ad hoc che porteranno all’interno degli scavi tantissimi volti noti: attori impegnati e comici da cabaret. Ce ne sarà per tutti i gusti. Vivere il territorio significa questo: assistere a uno spettacolo in quel gioiello di Ostia Antica oppure uscire in barca nel mare del Lido e sperare nell’incontro con qualche delfino. Ci lasceremo cullare dalle onde e incantare dalle sirene. Perché tutti noi abbiamo ancora tanta, tanta voglia di… futuro.

Buona Estate!
Caterina Dini

 

Leggi il numero online!