Archivio mensile:luglio 2017

Quale Estate?

Per un posto di mare come è il nostro Municipio, l’estate può essere definita la stagione principe. Quella nel corso della quale sono espresse le maggiori potenzialità di tutto il territorio. Non solo delle spiagge e degli stabilimenti, quindi, ma anche di tutte le altre realtà locali. Si è parlato in passato, e se ne continua a discutere, sulla vocazione turistica di Ostia. E spesso sono state messe in evidenza la non eccezionale capacità ricettiva o anche i problemi di viabilità e dei trasporti. Da due anni, però, a quelle che potremmo definire tematiche strutturali, se ne è aggiunta una ben più rilevante: il commissariamento. L’assenza di una amministrazione politica, di fatto ha molto ingessato l’attività del territorio. Passi, ed anzi ben venga, il rispetto della legalità. Ma in questi 26 mesi spesso è sembrato che le misure poste in essere ad Ostia siano state iniziative isolate e ad effetto. Come quella dell’apertura dei varchi a mare che, una volta inaugurati, sono stati poi trascurati e consegnati al degrado. Piuttosto hanno fatto scalpore discutibili mancanze. Quali ad esempio, nel corso dell’inverno, la tardiva pubblicazione del bando per le palestre municipali, che ha costretto migliaia di persone a non poter praticare attività sportiva. O ancora, più di recente ed in tema di estate, la mancata assegnazione delle spiagge libere. Una situazione di nebulosità che si è inevitabilmente ripercossa sulla stagione estiva 2017, che registra per Ostia ed il X Municipio più ombre che luci. E non è un caso che il vento di autonomia, mai del tutto calmatosi  dopo le negative consultazioni del 1989 e del 1999, abbia ripreso da un po’ di tempo a soffiare con intensità. Una cosa, a parte ogni disquisizione, è certa. E viene da tutte le componenti del quartiere: imprenditori, operatori del settore, cittadini ed anche romani e turisti. Ostia ha bisogno che l’estate torni ad essere estate!

Caterina Dini

Leggilo online!

Ostia Antica ti aspetta…

Tante volte abbiamo definito il nostro dossier mensile un viaggio all’interno del territorio. E tale espressione è quanto mai appropriata per l’argomento che abbiamo scelto per intrattenervi in questo mese. L’approfondimento di giugno, infatti, riguarda Ostia Antica. Un quartiere del X Municipio che sintetizza quella che è la varietà e la ricchezza del nostro territorio. Di dimensioni relativamente ridotte ed  “antenato” della moderna Ostia, questo luogo racchiude storia, cultura, spettacolo, sport ed impegno sociale. Il tutto in uno straordinario mix che non solo resiste nel  tempo, ma che proprio grazie al tempo si è sviluppato e consolidato. Ostia Antica, grazie agli scavi ed alle sue bellezze storiche, è in grado di portarci indietro nel tempo, ad epoche lontane, sia con la semplice osservazione che grazie ad eventi, come il Palio, organizzati proprio per far rivivere determinate atmosfere. Ma sono poi i problemi della quotidianità (l’ultimo dei quali è quello relativo alla questione del tritovagliatore) a farci vivere la realtà contemporanea, evidenziando l’impegno di chi, come i comitati locali, ha fatto del lavoro per il territorio la sua missione. E’ un viaggio che abbiamo voluto intraprendere, poi, per due ben precise ragioni. La prima è, per così dire di cuore. La nostra casa editrice è nata ed ha sede proprio ad Ostia Antica, che in qualche modo, con la sua eredità del passato, è tempio di cultura. E la seconda risiede nella linea che ci siamo prefissati all’inizio degli anni novanta e che stiamo portando avanti ormai da quasi trent’anni: far conoscere e valorizzare il territorio nel quale viviamo. Stavolta più che mai, quindi, il dossier di questo mese è un viaggio nei nostri luoghi. Anzi, in quello per il quale, consentitecelo, il nostro cuore batte forse un po’ più forte.  E allora a tutti voi……benvenuti ad Ostia Antica!

Caterina Dini

Leggilo online!

Un territorio a metà

Un nuovo mese, un nuovo viaggio. Maggio è il periodo dei primi bilanci: quelli di una stagione che si chiude e un’altra che si avvia, fatta di buoni propositi da attuare a partire da dopo l’estate. E la domanda che ci siamo posti è: «Come sta il nostro territorio?». In questi anni lo abbiamo raccontato in tutti i suoi aspetti da quelli più gravi (dall’emergenza mafia alla crisi politica) a quelli di tutti i giorni. Ecco, in questo numero ci soffermiamo sullo stato di salute di Ostia e del X Municipio. Ci sono delle parti di questa città, belle e intoccabili. Dove la natura sembra aver dipinto su una tela paesaggi e colori. La tenuta di Castel Porziano, per esempio. Un angolo incontaminato che appartiene a tutti noi. Noi vi apriremo le porte della Riserva con foto e racconti da rimanere incantanti. Vi parleremo anche dei delfini e del loro “canto”, una meraviglia del mare. E andremo anche al Borghetto dei Pescatori, perla della nostra comunità. Ai problemi del Canale, insabbiato e rimasto con poche barche (molti hanno preferito ormeggiare a Fiumara e a Fiumicino per poter uscire in mare) si affianca comunque la storia della nostra terra. E non bisogna scavare a fondo la sabbia con le mani, proprio come fanno i pescatori alla continua ricerca di telline, per trovare cose belle a Ostia. Basta fermarsi a guardare un tramonto in piazzale Magellano e rimanere stupiti dal sole che diventa arancio, rosso, viola prima di andare a morire all’orizzonte. Ma la nostra attività di reporter ci impone anche di denunciare quello che non va. Spesse volte con amarezza, e quasi sempre con rabbia. È il caso dei parchi: quello XXV Novembre di via Pietro Rosa è in stato di abbandono, così come le piste ciclabili che sono finite nel mirino della Procura. La storia di Ostia e del suo entroterra è fatta di storie belle e risvolti amari. È l’altra faccia della medaglia, un altro volto di un territorio. Che, nonostante tutto, continuiamo ad amare.

Caterina Dini

Leggilo online!

Per un mondo migliore…

Nel sistema di valori del nostro tempo, è bello accorgersi e scoprire quanto di positivo ancora c’è nelle persone. Lo facciamo con questo numero di Duilio Litorale dedicando il nostro DOSSIER al mondo del volontariato sociale, fatto di (tanta) solidarietà umana e di un ideale di giustizia per tutti. Precetti che si trasformano in opere di aiuto e conforto per chi soffre. Temi difficili che cerchiamo di affrontare in punta di penna per il rispetto di chi dà e, soprattutto, per quello di chi riceve. Usura, droga, alcolismo, lotta alla criminalità organizzata. Ecco le tappe di questo viaggio. Storie dure che rivelano il lato più generoso della nostra società. Ma mostrano anche i limiti del sistema. Qualche tempo fa, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che fin dal suo discorso di insediamento ha dimostrato grande sensibilità nei confronti di chi soffre, ha definito il volontariato «una straordinaria ricchezza per il nostro Paese e per la nostra civiltà», che acquista ancora maggiore importanza in tempi di ristrettezze economiche. Condividiamo appieno queste parole, ma siamo anche convinti che proprio perché il volontariato è importante, è necessario sottolineare che non è e non potrà mai essere o sostituire una professione. Né tanto meno deve essere un modo per deresponsabilizzare la politica dal sociale. Il nostro territorio – il X municipio- che spesso sale agli onori delle cronache per fatti negativi questa volta conquista le prime pagine per una buona notizia: il più alto numero di associazioni la Capitale. Gente qualsiasi che ogni giorno si batte per l’affermazione dei diritti universali dell’uomo. È così che il mare di Roma diventa una “casa comune” da preservare per le future generazioni.

Caterina Dini

Leggilo online!

Quartieri, le mille storie da raccontare

Il senso civico è una delle caratteristiche fa grande il X Municipio. Nel tempo sono cambiate le modalità di partecipazione ma il radicamento rimane lo stesso. C’è un filo comune che lega i tanti comitati di quartiere da Ostia all’entroterra: l’amore per il proprio territorio. Sono più di 50 le associazioni di cittadini presenti sul mare di Roma, di cui circa un terzo ha più di 10 anni. Un’azione di volontariato fatta da centinaia di residenti che condividono un’unica grande passione, quella dell’attaccamento alla propria zona. E così ancor prima di sentirsi romani, ci si considera un abitante del proprio quartiere, sia questo Ostia, Casal Palocco o Acilia. Ogni quadrante ha la sua storia e i suoi problemi, soprattutto. Sfogliare le pagine del nostro DOSSIER è come compiere un lungo viaggio nel passato e nel presente dei quartieri del X municipio. Molti mostrano tutta la loro voglia di riscatto: Ostia Nuova, per esempio. Un epicentro di racket e malavita, dove però vive tanta gente perbene che non ci sta a far indossare alla propria zona l’etichetta di «bronx». Oppure Acilia che si sente periferia di Roma e, allo stesso tempo, periferia di Ostia. Poi ci sono Casal Palocco e l’Axa, le zone «in». Ma anche i quartieri dei vip hanno i loro problemi a cominciare dall’immondizia. Alcune strade sono sommerse letteralmente dai rifiuti. A dare voce al malcontento generale sono proprio i comitati di quartiere. Vere sentinelle pronte a darsi da fare per il bene comune. Un attivismo che tutti svolgono in maniera gratuita e da cui non vogliono nulla in campo. Il X è il municipio capofila in tutto il comune di Roma per numero di comitati che vi operano. Siamo in tanti: lo si fa per passione, ma ancora di più per dovere civico. E su questo, che piaccia o no, non siamo secondi a nessuno.

Caterina Dini

Leggilo online!