Archivio mensile:marzo 2016

La perenne emergenza

copertina marzoCi aiutate? Stiamo affondando». Una voce femminile chiede aiuto in inglese, via radio, da un punto imprecisato del Mediterraneo. Il dossier di questo mese ci fa toccare con mano la portata gigantesca e drammatica del flusso migratorio attuale, dall’Africa verso i confini europei. Ricorriamo all’attualità, anche questa volta, per tentare di entrare in questa nuova prospettiva che abbatte le frontiere e dovrebbe renderci tutti più aperti, più multietnici e multirazziali. Ma è sempre così? Un’inchiesta, la nostra, che è sintesi di sentimenti, di rapporti, dell’idea di una società diversa. Un movimento di dimensioni bibliche che dai paesi devastati dai conflitti arriva sulle nostre coste. Persone che scappano da guerre e miserie e che hanno trovato rifugio anche sul nostro litorale. Solo poche settimane fa, l’arrivo dei “corridoi umanitari” che la Comunità di Sant’Egidio ha fatto sbarcare all’aeroporto di Fiumicino. 93 persone, di cui 41 bambini. Quattro, cinque anni come Hassan che ha il sogno di diventare calciatore. Parleremo di lui ma anche dell’atteggiamento di tanti lidensi che convivono con gli stranieri più o meno integrati. Le scuole, altro luogo cruciale dove si formano le coscienze e si insegna il rispetto. Faremo un viaggio nella Moschea di Ostia e incontreremo la comunità ortodossa con la chiesa, da poco in funzione, sulla via Ostiense a Casal Bernocchi. Affronteremo anche la tematica delle ombre che si annidano dietro il fenomeno migratorio. Dai clandestini dell’ex colonia Vittorio Emanuele all’allarme sicurezza a Lido Centro, senza trascurare l’evasione fiscale delle attività commerciali su cui la Guardia di Finanza sta lavorando. Eccolo il nostro numero di Marzo che è un omaggio anche a Gianfranco Rosi, vincitore nella Berlino della Merkel del Leone D’Oro. Ritorna Lampedusa, dove la parola “emergenza” non ha più senso. Perché qui come altrove, tutti i giorni c’è un’emergenza.

Caterina Dini

Leggilo online!

Un sano divertimento…

copertina febbraio_sitoC’è ancora voglia di divertirsi? La domanda apre altri interrogativi e sicuramente fa riflettere sulla quotidianità che avvolge le nostre giornate. I mille problemi che affiorano tutti i giorni sembrano però non intaccare quella sana allegria che, anche solo per qualche ora, si porta con sé il Carnevale. Febbraio è il mese di questa festa dove maschere e balli ci distraggono dalla routine del lavoro e dagli altri pensieri. La magia è proprio questa: quella di tuffarsi in un’atmosfera fatta di risate, scherzi e voglia di affrontare la vita con uno spirito diverso. Così anche noi affrontiamo questo viaggio tra passato e presente, partendo dalle radici storiche di questa festa. L’antica Grecia e l’antica Roma che un po’ rivivono anche sul nostro territorio grazie alle bellezze archeologiche degli scavi di Ostia Antica con il maestoso e imponente Teatro romano, dove le maschere avevano una funzione importante. Apriamo questo numero con una bella novità, quella del ritorno del Carnevale nei giardini di Lido Centro. Dopo uno stop di decenni a causa delle condizioni di degrado in cui versava l’area tra abbandono e rifiuti, finalmente si è riusciti a organizzare un momento di incontro per adulti e bambini. Una tradizione per gli ostiensi e un tuffo al cuore per le generazioni degli anni’80 e ’90 che in quello spazio verde si sono rincorse camuffate da Zorro e principesse. Anche la movida va a ripescare i look di una volta e le hit parade che si ascoltavano con il mangianastri proprio in quegli anni. Vi racconteremo delle tante feste che sono state organizzate per il Carnevale e non solo. Abbiamo piacevolmente scoperto che ora in discoteca si va a ballare vestiti alla John Travolta e sulle note della Febbre del Sabato Sera. E alla fine il bilancio non può essere che positivo, perché dietro tutto questo c’è comunque una bella gioventù che ha la voglia ma soprattutto l’intelligenza di non prendersi troppo sul serio.

Caterina Dini

Leggilo online!